SPACECLEARING DELLA CAMERETTA

Un’annosa questione è quella di come tenere in ordine, e fare mettere in ordine, la cameretta ai propri figli.
Io in realtà ci riesco abbastanza bene, non perché sia la persona più ordinata della terra, o perché i mei genitori mi abbiano trasmesso l’ordine, tutt’altro…semplicemente mi piace che sia in ordine, come il resto della casa, quindi mi sono letta tanti libri di Spaceclearing e Fengh Shui che sono un po’ le mie passioni, e ho attuato un mio metodo personale che funziona bene e che penso possa essere utile ad altre mamme.

 

1) Per prima cosa prenditi la responsabilità di mettere in ordine tu la camera dei bambini. Non puoi pretendere che tuo figlio sia ordinato se non lo sei tu. I bambini imparano dall’esempio: non sgridarlo se non mette in ordine lui, e non sbuffare mentre lo fai tu. Agisci con calma e tranquillità come se stessi cucinando una torta o facendo una qualsiasi altra attività che ti piace fare o che devi fare. Fallo sempre tu fino a che sarà tuo figlio a darti una mano di sua iniziativa.

Mio figlio ha tre anni e mezzo e ama mettere in ordine, lo fa anche all’asilo, mi dicono le maestre. Delle volte gli chiedo se mi dà un mano, delle volte mi aiuta delle altre no. Io non me la prendo mai: semplicemente non pretendo che lo faccia.

Se dice di no, sistemo io perché so che sono io che desidero che la sua camera sia in ordine, non lui. La maggior parte delle volte, quando risponde di no, io dico con serenità:

“Ok, non c’è problema, faccio io…”

Lui immediatamente cambia atteggiamento e inizia a darmi una mano 😉

 

2) Quando tuo figlio finisce un gioco insegnagli a metterlo via prima di tirarne fuori un altro. Se non lo fa lui fallo tu dicendo: “Quando si finisce di giocare con un gioco si mette in ordine, poi possiamo tirare fuori un gioco nuovo”.

È dimostrato che l’ordine dello spazio è collegato all’ordine mentale: questa attività gioverà al benessere di tuo figlio e alla sua tranquillità.

 

3) Butta via spesso giocattoli rotti non riparabili, pennarelli che non funzionano, colle secche, fogli sparsi: non permettere che la camera diventi un accumulo di rifiuti.

 

4) Almeno una volta all’anno fai uno o due sacchi di giocattoli da regalare. Se il bimbo è piccolo fai tu stessa la selezione, tenendo quello che a lui piace di più, e regalando quei giochi (anche belli e costosi) che vostro figlio non ha mai usato.

Se il bimbo è grande fai questa pratica con lui, assicurandolo che dando via vecchi giochi ne entreranno di nuovi, che ci sono tanti bambini che non hanno niente, che diventare grandi vuol dire anche lasciare andare i giochi da piccoli. Se ci sono troppe resistenze non insistere litigando, ma riprova dopo un certo periodo di tempo. Alcuni usano la tattica di mettere in cantina o in soffitta scatoloni di vecchi giochi, io lo sconsiglio perché verrà comunque il momento di disfarsene. Però se il bambino ha troppa difficoltà a lasciare andare, opta per questa soluzione, riproponendogli di regalarli quando sarà più grande.

 

5) Non lasciare che giochi, vestiti o altre cose dei tuoi figli siano dislocate in più punti della casa. Tutte le cose dei bambini devono stare nella loro camera (i benefici di tale pratica sono illustrati nel mio post precedente “Guadagnare tempo grazie allo Spaceclearing”). Se hai troppe cose eliminane un po’ regalando i vestiti che non vanno più bene o i giochi vecchi.

 

6) Se vuoi conservare i vestiti per un eventuale altro figlio organizzali in sacchi appositi e mettili nelle parti alte degli armadi.

 

7) Dei giocattoli di quando era piccolo tieni solo 4/5 giochi a cui tu o lui siete molto affezionati, così per ricordo, il resto potrà essere utile a qualche bimbo piccolo che non ha niente invece che rimanere ammassato in uno scatolone, se li tieni per il prossimo figlio ricorda che quando nascerà ti regaleranno altri giocattoli nuovi…non puoi tenete tutto!

 

Seguendo questi pratici consigli dovresti risolvere una volta per tutte il problema del disordine in cameretta, e i benefici saranno evidenti per voi adulti e soprattutto per i bambini in termini di tranquillità, maggior concentrazione e amore per se stessi!

Eleonora

 

 

 

Seguici su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *