AMARE SE STESSI

Oggi chiacchieravo con una mia amica milanese al telefono, compagna di Psicosintesi e di un pezzetto di vita. Era un po’ giù di morale, per un progetto che fatica a partire, perché si sente sola e con pochi soldi. 

Riflettevo come, nonostante il lavoro personale, gli studi, le letture, la terapia ecc. si possa facilmente tornare ad essere tristi, a sentire la ferita che si apre, a fare fatica a vivere…insomma la capivo. Io in questo momento sto piuttosto bene, ma basterebbe poco pure a me per essere insoddisfatta e triste. 

Ho consigliato alla mia amica di leggere un paio di libri, che a me hanno veramente “svoltato” come si suol dire. I libri sono quelli di Anita Moorjani, una donna malata di tumore che, arrivata allo stadio terminale della sua malattia, ha avuto un’esperienza di premorte e poi è tornata indietro ed è guarita. Al di là del fatto che Anita è la dimostrazione che si può guarire anche da malattie gravissime, il punto saliente del suo messaggio è che l’Aldilà è un luogo d’Amore Incondizionato e che noi tutti siamo amati in modo incondizionato. 

Lei afferma che ciò che l’ha fatta guarire è sapere che lei stessa era Amore e che l’Universo la amava. 

Non c’è giudizio nell’aldilà e non c’è colpa ci sono solo pura Consapevolezza e Amore.

Ciò che Anita afferma non è una novità né per le dottrine spirituali più antiche che ho studiato, né per tanti saggi con cui ho parlato, e nemmeno per il mio Saggio interiore. Però sentirselo dire così bene, in modo così semplice e così convincente in qualche modo “ti entra dentro”. 

Amare se stessi. 

È così difficile farlo. 

Come si fa ad amare se stessi in modo incondizionato soprattutto se siamo stati amati in modo imperfetto dai nostri genitori? 

Anita ci spiega che si può farlo, e si può farlo sapendo che l’Universo, o Dio, come volete chiamarlo, ci ama profondamente in modo incondizionato. 

Siamo amati. 

Provate ad andare a fare una passeggiata pensando che siete un essere meraviglioso amato dall’Universo. Vi assicuro è una sensazione bellissima. Un po’ come quando siete innamorati… sapete che per il vostro partner siete unici e meravigliosi. Ma l’innamoramento in una coppia non dura. E anche la consapevolezza di essere amati dall’Universo non è costante: tendiamo a dimenticarcelo. Bisognerebbe ripeterselo ogni giorno. Ogni tanto penso che dovrei rileggermi quel libro ogni due settimane per riuscire a mantenere dentro quella consapevolezza. 

Qualcuno potrebbe però obiettare che non si sente così speciale… invece tutti lo siamo. A me basta vedere i bambini o i fiori.

Pensate a un bambino piccolo, o a un fiore appena sbocciato:  quanto amore e quanta meraviglia suscitano? Poi pensiamo a un bell’albero adulto, sano e forte, e poi a un albero secolare anziano. Ognuno di noi, come ogni creazione universale, è unico e perfetto nelle sue peculiarità. 

Come fai a non amare un bocciolo di ciclamino o una sequoia? E un bel pino? 

Anche noi siamo parte di questa creazione…come tanti pesci colorati che vivono nella barriera corallina. 

Un Universo che ci ama permette anche a noi di amarci….e se mio marito non mi ama come vorrei, o se i miei genitori mi hanno ferito, o se mio figlio dice che sono “brutta”…. “echissenefrega” (passatemi il termine)! Se c’è un Universo così immensamente più Saggio e Potente che crede che io sia un essere speciale tutto il resto passa in secondo piano. 

E pure la morte non fa più paura, o ne fa molta meno… perché se tornerò nell’Amore Universale da dove sono venuta, sarà come tornare tra le braccia di una mamma immensamente buona, o di una amata nonna. 

E se scopro che tutti noi siamo così amati, guarderò anche gli altri con più amore e solidarietà e ci sentiremo veramente fratelli e non esseri che devono competere per avere più amore perché l’Amore Universale è Infinto. 

Secondo Anita tutti i problemi del nostro mondo vengono dal fatto che ci dimentichiamo di essere così speciali e così amati: cerchiamo di camuffarci e di elemosinare amore e riconoscimento… ma non ne abbiamo bisogno, l’unica cosa di cui abbiamo bisogno è sapere chi siamo ed esprimere la nostra verità qui sulla terra. 

Ognuno di noi ha la sua nota specifica e le sue peculiarità e deve portare il suo contributo nel mondo, far splendere la sua luce.

Eleonora

 

Ps.Se volete approfondire l’argomento e leggere i libri di Anita li trovate qui:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *