LA PACE INTERIORE


Certe volte la vita ci mette davanti a piccole prove di resilienza. La quotidianità viene disturbata da alcune fatiche, per esempio, in questo periodo dalla mia vita, le malattie della mia bambina piccola. Quando le malattie sono ricorrenti e le notti insonni si susseguono, tutto diventa più difficile da affrontare. 

Ieri notte Luce, che ha 16 mesi, tossiva all’infinito, piangeva e voleva la mamma. 

Peccato che la mamma l’ha mollata al papà perché sono già tre notti che si fa insonni “dietro a lei”. Il papà è riuscito ad addormentarla per un po’, ma alle 1 e 10 la sento piangere disperata. Mi alzo e vado a vedere se posso calmarla: granulini omeopatici, acqua, sciroppo per la tosse, carezzine sulla schiena, coccole…. poi sconsolata la porto in cucina e provo a farle fare una merenda con un pezzettino prelibato di colomba pasquale. Siccome a letto non riesce ad addormentarsi la metto nel passeggino e la porto avanti e indietro per mezz’ora. Mentre giro per la camera spingendo il passeggino disegnando degli 8 immaginari per terra penso a quella frase di Eckhart Tolle:

A prescindere da cosa racchiuda il presente, accettalo come se lo avessi scelto.

Collabora sempre, non agire contro di esso. Fattelo amico e alleato. Non nemico. 

Tutto questo trasformerà miracolosamente la tua vita.

Niente, anche se non faccio la guerra al presente non funziona: quando sembra stia per addormentarsi si sveglia di nuovo tossendo. 

Dopo un’ora e venti di tentativi la mollo di nuovo al papà e me ne vado innervosita più che mai a provare a dormire di là in camera di Lorenzo. 

Per cercare di calmarmi mi metto a fare meditazione e riesco ad entrare in un luogo di pace dentro di me dove ogni cosa ha un senso, dove c’e solo amore e accettazione incondizionata. Sono solo 5 minuti, ma entro veramente in uno stato di quiete. 

Allora, quando la sento piangere di nuovo, torno di là, la prendo in braccio e la stendo a pancia in giù sul mio petto. La pace interiore si diffonde dal mio al suo petto e la tosse si ferma, la bimba si tranquillizza e si addormenta magicamente. Mi viene in mente anche quella massima di Eileen Caddy:

Metti il cuore in quello che fai? (…)

Ricorda non fare mai un lavoro perché “deve essere fatto”. Se questo è il tuo atteggiamento, allora, prima ancora di cominciare, ritirati a cercare la grazia e l’armonia: quando il tuo atteggiamento è mutato e ti senti in pace e in armonia, vai a compiere il tuo lavoro. Scoprirai che quando il tuo atteggiamento è quello giusto, non solo sarai in grado di eseguirlo perfettamente, ma anche più rapidamente…

Che potere che abbiamo, penso, se fossimo in uno stato di pace interiore ogni cosa andrebbe a posto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *