CIÒ CHE SEMINI … RACCOGLI!

“Ricorda non fare mai un lavoro perché “deve essere fatto”. Se questo è il tuo atteggiamento, allora, prima ancora di cominciare, ritirati a cercare la grazia e l’armonia: quando il tuo atteggiamento è mutato e ti senti in pace e in armonia, vai a compiere il tuo lavoro. Scoprirai che quando il tuo atteggiamento è quello giusto, non solo sarai in grado di eseguirlo perfettamente, ma anche più rapidamente…”

Qualche tempo fa avevo trovato questa massima di Eileen Caddy e l’avevo inserita in un post: in questi giorni mi sono capitati degli avvenimenti che mi hanno nuovamente fatto riflettere su queste parole.

 Ma partiamo dal principio.

 Queste vacanze sono state un po’ faticose perché con i bambini piccoli non sono proprio vacanze, ma lavoro intenso 24 ore al giorno notte compresa.

 Insomma io e Alberto abbiamo passato tre settimane al lago piuttosto impegnative e, quando non hai tempo per te e non riesci a ricentrarti e a ritrovare la pace interiore, rischi di essere preda della rabbia e della stanchezza. Allora per compensare cerchi gratificazioni immediate come apertivi, gelati, internet, shopping. 

Io in particolare mi ero fissata sul fatto che bisognava comprare una lavastoviglie piccola per la casa al lago, e Alberto che bisognava prendere delle mensole e uno specchio perché le pareti erano troppo vuote e bianche. 

Fino qui nulla di male: rendere una casa più bella e funzionale è giusto. Bisogna però capire con che spirito si fanno le cose.

 Così ci siamo trovati a litigare sulle mensole, sullo specchio e anche sulla lavastoviglie. Gli acquisti sono stati fatti con frenesia e rabbia per “togliersi” anche questa incombenza. Morale della favola dopo circa 4 ore di lavoro dell’idraulico, per riuscire a far stare la lavastoviglie nel vano sotto lavabo, ci rendiamo conto che la lavastoviglie perde acqua. E non possiamo montare la mensola perché la consegna è tra due settimane, mentre lo specchio è arrivato rotto. Per fortuna il servizio clienti di Amazon ci è venuto incontro.

 Ma a me piace riflettere sul perché degli accadimenti e prendo ogni situazione complessa come una lezione da cui devo imparare qualcosa. Ho  iniziato così a  collegare i puntini come nella settimana enigmistica e ho fatto delle ipotesi sul perché di questi “guasti”. 

Con che spirito sono stati fatti gli acquisti? Nell’amore per noi e per la casa? O per compensare delle frustrazioni emotive, per colmare delle mancanze?  

Quello che semini raccogli dice un proverbio, ma ciò non è valido solo per il lungo periodo. Anzi, sembra un’equazione quasi immediata: quello che invii all’Universo ti torna indietro. Se fai un’azione mossa dalla rabbia non avrai indietro pace e serenità né amore. Non avrai uno specchio che raddoppia la luce e fa vedere il lago anche dall’ingresso, ma uno specchio rotto. 

Facciamo un altro esempio.

L’altro giorno Alberto girava furiosamente il passeggino su e giù per la stanza per addormentare Luce perché doveva correre a vedere la partita Genoa- Roma. Secondo voi la bambina si addormentava? No, urlava a più non posso. 

“….Ricorda non fare mai un lavoro perché “deve essere fatto”. Se questo è il tuo atteggiamento, allora, prima ancora di cominciare, ritirati a cercare la grazia e l’armonia…”

 Mi sono venute in mente queste parole e ho deciso di liberare Alberto: non dovendo correre a vedere la partita sono riuscita ad addormentare Luce in pochi minuti.

Con che energia ci accingiamo a svolgere un compito? A iniziare una dieta? A fare un acquisto? A cercare un figlio? A fare una serata con un amico? A cercare lavoro? 

Siamo mossi dall’amore o dal bisogno? Dalla rabbia? Dalla competizione?Dalla rivalsa? Dalla vendetta? Dal senso di colpa? Dalla paura? Dall’odio per noi stessi? 

Quando l’Universo ci manda indietro “picche” dovremmo chiederci che cosa avevamo inviato noi per primi…quali erano le reali emozioni che stavano dietro a quell’azione!

Cerchiamo di muoverci mossi dall’Amore di noi stessi e degli altri…altrimenti fermiamoci e aspettiamo che la quiete sia tornata in noi. 

Stiamo attenti a ciò che sta alla base delle nostre azioni, e forse la vita girerà per il verso giusto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *